header

Opere Vincitrici

Linea d'Ombra Festival XXVI edizione

Premi Ufficiali

PASSAGGI D’EUROPA

Premio NEXSOFT

Beginning di Dea Kulumbegashvili (Georgia)

Giuria Esperti composta da Miriam Bliese, Milena Mancini, Guglielmo Poggi

MOTIVAZIONE

È una visione affascinante in una comunità religiosa in Georgia di cui non sappiamo nulla. È una storia complessa sulla società patriarcale e sui diversi modi di repressione con cui le donne possono confrontarsi. È un ritratto accattivante di una donna che cerca di trovare la sua strada tra la maternità, le aspettative della sua comunità e le proprie ambizioni. Ma soprattutto è un film che ci ricorda la potenza del linguaggio cinematografico. Questo usa ogni centimetro dei suoi tableau incorniciati con precisione e ogni suono fuori dallo schermo per farci provare la sensazione di essere intrappolati nel tempo e ci costringe a seguire il lento sorgere della tensione che porta al sorprendente ma inevitabile ultimo battito. Per questo siamo orgogliosi di assegnare il premio per il miglior film del concorso “Passaggi d’Europa” a Dea Kulumbegashvili e il suo film Beginning. Congratulazioni! E grazie per questo film meraviglioso”.

Premio Giuria Popolare

The Night Doctor di Elie Wajeman (Francia)

Premio Giuria Open

ex aequo

The Grand Bolero di Gabriele Fabbro (Italia)

Of Fish and Men di Stefanie Klemm (Svizzera)

LINEADOC

Premio Giuria Esperti

Our Land, Our Altar di André Guiomar (Portogallo)

Assegnato da Carlo Hintermann, Juan David Gonzales Monroy e Rachael Rakes

MOTIVAZIONE

“Attraverso un uso ragionato e allo stesso tempo partecipe della forma cinematografica e della struttura narrativa, questo film presenta un ritratto intimo di una comunità vitale di fronte alla sua dissoluzione. In modo sottile ma con grande forza il film mette in evidenza il valore di una comunità e il bisogno di autodeterminazione contro l’inarrestabile progredire della gentrificazione e degli interessi economici. Per l’equilibrio tra approccio etico, persistenza, tecnica e stile, il premio LineaDoc va a Our Land, Our Altar”.

Premio Giuria Popolare

Il secondo principio di Hans Liebschner di Stefano P. Testa (Italia)

Premio Giuria Open

ex aequo

All Of Your Stars Are But Dust On My Shoes di Haig Aivazian (Libano)

Summits and Ashes di Fernando Criollo (Perù)

CORTOEUROPA

Premio BANCA CAMPANIA CENTRO

The Criminals di Serhat Karaaslan (Turchia)

Giuria esperti composta da Giulio Mastromauro, Valerio Vestoso e Christopher Yates

MOTIVAZIONE

“Attraverso una sceneggiatura ingegnosa e una regia rigorosa, The Criminals ci porta un duro thriller su come i giovani turchi vengono repressi nel loro naturale sentimento di desiderio e amore. La recitazione è toccante, permettendoci di entrare in empatia con la giovane coppia e sperando di vedere la loro lussuria soddisfatta. La svolta degli eventi è drammaticamente brillante. Porta la paura nel desiderio, la violenza nell’amore. Il climax ci ha fatto prendere la nostra sedia. Si conclude con un tocco di umorismo e tenerezza, che ci fa sperare in un futuro migliore”.

Menzione speciale

Between Men di Ares Ceylan (Germania)

MOTIVAZIONE

“Questa classica storia di lutto e disaccettazione omofoba è trascesa da una sincerità genuina. Man mano che la storia si svolge con il suo dialogo crudo e subliminale, il sentimento cresce e l’assenza del figlio/amante diventa più forte. La finezza della recitazione è inversamente proporzionale all’emozione che abbiamo provato guardando Between Men”.

Premio Giuria Popolare

Branka di Ákos K. Kovács (Ungheria)

Premio Giuria Open

Branka di Ákos K. Kovács (Ungheria)

VEDOANIMATO

Premio Giuria Esperti

Affairs of the Art di Joanna Quinn e Les Mills (Canada)

ASSEGNATO DA Martin Smatana, Alessandro Rak, Mauro Uzzeo

MOTIVAZIONE

“L’arte come ossessione, il corpo come rappresentazione, i sogni per dettare obiettivi di vita crescendo, i colori per indicare la propria (R)esistenza. Ogni segno in questo cortometraggio grida ironia, giocosità, ricordo, andare contro l’ordine stabilito, fare i conti con noi stessi, nascere, crescere e morire, alla ricerca di un posto nel mondo e della nostra identità unica, assoluta, immortale. Il film pieno di umorismo pungente raggiunge il volto dello spettatore con tutta la bellezza e la freschezza dell’animazione giocosa e dinamica dei tratti di matita”.

Menzione speciale

People in Motion di Christoph Lauenstein e Wolfgang Lauenstein (Germania)

MOTIVAZIONE

“Bastano poche immagini suggestive e una pacata voce fuori campo per calarsi nella tela narrativa e lasciarsi catturare dal loro gioco di luci e ombre. Sospesi tra antiche paure e bellezza racchiusa tra quattro mura, ci troviamo davanti ai nostri desideri, alle nostre piccole e grandi meschinità, ricordandoci, ancora una volta, la grande, inarrestabile, forza delle storie. Questa storia misteriosa e affascinante piena di significato e spunti di riflessione affronta il tema dell’esistenza, del comportamento umano, dell’egoismo e dell’avidità che si sono infiltrati nel mondo oscuro”.

Premio Giuria Popolare

How To Be at Home di Andrea Dorfman (Canada)

Premio Giuria Open

Granny's Sexual Life di Urška Djukić (Slovenia)

VEDOVERTICALE

Premio FONDAZIONE CARISAL

Giuria Popolare

ex aequo

Killer Brownie! di Igna L. Vacas (Spagna)

Genesis di Zhu Xiaolong (Cina)

Premio Giuria Open

ex aequo

Valse Naïve di Antonello Tosto e Mariapia Di Lecce (Italia)

MIDNIGHT STORIES: Morgan di Ryan Cauchi (Australia)

Vuoi saperne di più sui film in concorso della XXVI edizione?

logo

SALERNO
23_30 ottobre 2021

TEMA GUIDA:
DOMANI